chiudi la finestra
Segui le dirette sul portale di Rai Arte SEGUICI SU FACEBOOK

Benvenuti in casa Ba - Una nuova famiglia

Alternative Display Source – LivePreviewPage.htm
Aggiornamenti ogni 30 minutes.
Bookmark – GPLI

Get Adobe Flash player


SCENA 1 – COMUNE DI TERNI

Auguri!
Evviva!
Viva gli sposi!

SCENA 2 - TERNI
SALIF: Sono Salif e vengo dal Senegal.
OLGA: Sono Olga, il mio paese è la Croazia.
ANNA: Ciao! Mi chiamo Anna e sono la figlia di Olga.
FELA: Io sono Fela, il nipote di Salif!
ANNA: Siamo a Terni, in Umbria, nel centro dell’Italia.
SALIF e OLGA: Oggi abbiamo fatto una cosa incredibile! Ci siamo sposati!
FELA: Adesso loro sono marito e moglie ma qualche giorno fa…

un mese prima…
SCENA 3 – PIAZZA DELLA REPUBBLICA
ANNA: Per me voi due siete matti… ma cosa volete fare così all’improvviso?
FELA: Lasciali perdere, Anna!
ANNA: Ma guardali… ci sono tanti documenti da preparare… di’ qualcosa pure tu, Fela!
OLGA: Ehi, ragazzi, venite… così gli spieghiamo… allora, ci hanno detto che a piazza San Francesco c’è lo Sportello del Cittadino, e lì c'è un servizio apposta per gli stranieri… possiamo chiedere tutto quello che vogliamo…
ANNA: Vedrai quanti problemi…
FELA: Tu sei sempre pessimista!
SALIF: Insomma, ragazzi, un po’ di entusiasmo: avremo tutti una nuova famiglia!
OLGA: Anna, io e Salif ci vogliamo bene... l’Italia ci ha fatto innamorare... lui è l’uomo giusto per me, sono sicura, okay?
ANNA: Sei la solita romanticona!
OLGA: Dai, andiamo!

SCENA 4 – SPORTELLO DEL CITTADINO
OLGA: Allora… deve essere qui…
SALIF: Entriamo! Ci sono degli impiegati! Ora chiedo…
OLGA: Buongiorno!
LAURA GIOVANNELLI: Prego, buongiorno!
SALIF Scusi, signora, questo sportello va bene per i documenti di matrimonio per gli stranieri?
LAURA: Certo! È quello lo sportello degli stranieri, si può accomodare!
SALIF: Grazie.
OLGA: Grazie!
LAURA: Prego!
SALIF: Buongiorno!
OLGA: Buongiorno!
MAURA GIULIOLI: Prego, accomodatevi!
SALIF: Scusi signora… mi chiamo Salif Ba e sono qui per sposarmi con questa bella signora: lei è Olga Novak…
OLGA: Piacere!
MAURA: Piacere, Maura.
SALIF: Vorrei sapere che cosa dobbiamo fare per sposarci.
MAURA: Allora, per sposarvi dovete andare all’Ufficio Matrimoni dell’Anagrafe Comunale di Terni e portare con voi il documento, quindi il passaporto e il nullaosta al matrimonio. Il nullaosta al matrimonio è un documento fondamentale. È un documento fondamentale perché spiega che non esistono impedimenti secondo le leggi del vostro Paese per celebrare il matrimonio. Dovete andare al vostro consolato, chiedere questo nullaosta, che deve contenere i vostri dati anagrafici e lo stato libero e inoltre deve contenere anche le generalità dei vostri genitori. Poi, se siete residenti in un comune italiano qualunque, dovete richiedere, all’Ufficio Matrimoni dell’Anagrafe di quel Comune, la pubblicazione di matrimonio.
SALIF: Scusi, che cosa sono le pubblicazioni?
MAURA: Le pubblicazioni sono una sorta di pubblicità, di notizia che rende nota alla cittadinanza l’intenzione di due persone di contrarre matrimonio.
SALIF: Ah…
MAURA: Ci sono otto giorni in cui sono affisse queste liste, queste pubblicazioni, trascorsi i quali ne passano altri tre, poi è possibile celebrare il rito.
SALIF: Quindi… è tutto?
MAURA: A posto. Abbiamo concluso.
OLGA: Grazie.
SALIF: Grazie.
OLGA: Arrivederci!
MAURA: Arrivederci!
SALIF: Grazie, arrivederci!

SCENA 5 - BAR
OLGA: Oh… Finalmente è tutto pronto.
ANNA: Ma pronto cosa?
SALIF: Domani è il grande giorno! Ci sposiamo!
ANNA: Ma perché volete sposarvi proprio mentre siamo in viaggio?
FELA. E dopo il matrimonio che cosa facciamo?
ANNA: Io voglio andare in una città con il mare…
OLGA: Andremo anche al mare, vedrai…
FELA: Io ancora non capisco perché dobbiamo andare in tutte queste città...
OLGA: Ragazzi, ormai noi siamo in Italia da quattro anni...
FELA: Veramente io e lo zio solo da due…
SALIF: È vero, quando siamo arrivati non avevamo niente, è stato difficile trovare un lavoro, una casa... Ma ora abbiamo meno problemi: possiamo conoscere meglio l’Italia. Dobbiamo trovare la città e il lavoro che fanno per noi.
OLGA: E pensiamo soprattutto a voi due, sapete? Anna deve finire la scuola, tu devi andare all’Università… insomma, dovete avere più opportunità di noi…
SALIF: E non dimentichiamo che dobbiamo studiare tutti un po’ meglio la lingua! Se non impariamo a parlare veramente bene l’italiano, non possiamo migliorare la nostra vita e trovare un bel lavoro!
ANNA: Figurati! Io lo parlo benissimo, l’italiano!
FELA: Solo perché hai avuto due fidanzati italiani!
OLGA: Che?
ANNA: Eh… no, niente … dice un sacco di scemenze…
SALIF: E poi vorrei trovare il posto giusto per aprire una piccola società…
FELA: Cosa vuoi fare esattamente, zio?
SALIF: Beh, vorrei usare il mio diploma di geometra, vorrei aprire una società di ristrutturazione di case, negozi…
OLGA: Io vorrei tanto una casa tutta nostra…
ANNA: Vuoi comprare una casa? Ma se dite che non avete i soldi neanche per comprarci il motorino!
OLGA: Adesso no, però… in futuro… chissà…
FELA: Sapete una cosa? Hamidi, il ragazzo del bar, ha il padre che lavora in un’associazione nuova…
ANNA: Nuova?
SALIF: Questo ragazzo non parla mai chiaro!
FELA: Voglio dire che ci sono tante persone che lavorano insieme per costruire la casa da sole, per risparmiare!
SALIF: È interessante! Ma possiamo andare a vedere come funziona?
FELA: Provo a chiamare Hamidi…
SALIF: Chiamalo!
FELA: Pronto, Hamidi? Sono Fela!


SCENA 6 - GABELLETTA (Terni) – COOPERATIVA 48 MANI
SALIF Buongiorno
OLGA: Buongiorno!
POYANI: Buongiorno!
SALIF: Lei è il signor Poyani?
POYANI: Si!
FELA: L’architetto Poyani, zio!
POYANI: Salve!
OLGA: Salve! Piacere! Olga. La disturbiamo, no?
POYANI: No, no, assolutamente…
OLGA: Volevamo chiedere, ecco… abbiamo sentito che c’è questa bellissima attività… volevamo sapere com’è nata…
POYANI: È una bella iniziativa, si… è nata più di due anni fa… è stato frutto di una collaborazione tra Comune, Consulta degli immigrati e un’altra associazione, la Cidis di Perugia. Lo scopo è stato rafforzare i rapporti tra la popolazione del posto e gli immigrati venuti a Terni…
FELA: Anche i giovani?
POYANI: Anche i giovani, anche le persone singole…
POYANI: Nello stesso momento è una risposta al problema abitativo che c’è qui a Terni…
SALIF: Non deve essere stato facile raggruppare così tanti…
POYANI: No, non è facile… tutti diversi, che venivano da esperienze diverse…
SALIF: E i proprietari lavorano loro stessi le loro case?
POYANI: Si.
SALIF: Ma hanno avuto una formazione prima?
POYANI: No, no, assolutamente no…
SALIF: Sul posto, lavorando…
POYANI: Loro sono venuti da un’esperienza diversa… c’è chi fa il muratore ma c’è chi fa il pasticcere!
SALIF: Dove trovate il tempo per lavorare?
POYANI: Sabato e domenica, di solito…
OLGA: Anche le donne lavorano?
POYANI: Si, anche le donne…
SALIF: Quindi si può dire che costruirsi la propria casa è il vero progetto di integrazione?
POYANI: Si.
SALIF: E quante nazionalità siete riusciti a raggruppare in questo bellissimo progetto?
POYANI: Sono quattro nazionalità diverse.
OLGA: Va bene, la ringraziamo tantissimo…
SALIF: … e complimenti per questo bellissimo progetto…
POYANI: Grazie!
OLGA: Spero che ci incontriamo di nuovo… a presto, buongiorno!
POYANI: Arrivederci!
SALIF: Arrivederci!

SCENA 7 – GABELLETTA - COOPERATIVA 48 MANI
SALIF: È veramente un bel progetto!
OLGA: Si, si, ma veramente…
SALIF: Sai come la chiamo io? La costruzione dell’integrazione!
OLGA: Bello! Entriamo?
SALIF Che cosa significa per te avere una casa tutta tua?
OLGA: Ma noi in Croazia abbiamo tutti una casa nostra! E per te, Salif?
SALIF: Per noi la casa è tutto… e presto ne avremo una tutta nostra, vedrai!

il giorno dopo…
SCENA 8 – LANCIA DI LUCE
OLGA: Ciao, tesoro, eccomi! Ciao tesoro, eccomi, scusami, lo so che sono in ritardo …
ANNA: Dai, lo sai che abbiamo tantissime cose da fare…
OLGA: Ma… cosa dobbiamo fare? Non siamo venute qui per fare una passeggiata?
ANNA: Ma quale passeggiata! Domani è il tuo matrimonio! Dobbiamo comprare il vestito! Forza, andiamo! In centro ci sono tanti negozi.
OLGA: Ma non ci penso neanche! Tu mi conosci! Io sto bene così, con un abito semplice, comodo…
ANNA: Ma il giorno del tuo matrimonio…
OLGA: Il giorno del mio matrimonio mi vesto come al solito, come sto meglio. A Salif piaccio così…
ANNA: Sei proprio una romanticona, eh? A proposito, sai cosa ho letto sulla guida?
OLGA: Cosa?
ANNA: A Terni c’è la tomba di San Valentino.
OLGA: E chi è?
ANNA: Ma come? È il santo degli innamorati! Si festeggia il 14 febbraio! Vengono gli innamorati di tutto il mondo… e poi i festeggiamenti durano tutto il mese… se vieni a Terni il 14 febbraio ti regalano un bel mazzo di fiori…
OLGA: Però… che bel posto abbiamo scelto per sposarci, allora, eh?
ANNA: Già. Però adesso… andiamo a comprare il vestito.
OLGA: Ti ho detto che non mi interessa! Piuttosto, andiamo a vedere la basilica , dai!
ANNA: Romanticona che sei!

nel frattempo…
SCENA 9 – CASCATA DELLE MARMORE
SALIF: Sei sicuro che questo è il posto giusto per rilassarsi?
FELA: Certo! Hai bisogno di pace prima di iniziare una giornata così importante! Guarda che meraviglia!
SALIF: È bellissima, ma… non sono tranquillo per niente!
FELA: Lo so, mette paura… lo sai questo monumento a chi è dedicato?
SALIF: Dimmelo tu, visto che sai tutto.
FELA: A George Byron. Un grandissimo poeta inglese.
SALIF: E da quando sei appassionato di poesia?
FELA: L’ho studiata a scuola…
SALIF: Tu? Il ragazzo con il pallone da calcio in testa?
FELA: Certo. È inutile che fai lo spiritoso.
SALIF: E com’è questa poesia? Voglio ascoltarla.
FELA: Ma se tu non mi ascolti mai…
SALIF: Io? Io ti ascolto anche troppo! Ma scusa, non ti piace di più l’hip hop della poesia?
FELA: Può darsi. Comunque anch’io mi informo sui luoghi dove andiamo, sai?
SALIF: Mi fa piacere… Allora, voglio ascoltare questa poesia, dai… o ti vergogni?
FELA: Io?… Ecco, qui la traduzione, vediamo quanto sei bravo a leggere l’italiano… e a recitare!
SALIF: Lascia perdere! Io conosco tutti i libri di Lepold Sedar Senghor, sai! Sono un grande esperto di poesia!
FELA: E allora forza! O non sei tanto sicuro del tuo italiano?
SALIF: Io… io… sono sicurissimo del mio italiano! Senti qua: Caduta di acque! / Veloce come la luce, la lampeggiante massa / spumeggia, scuotendo l’abisso...


il giorno dopo…
SCENA 10 – COMUNE DI TERNI
OLGA: Pronti?
SALIF: Paura?
OLGA: Io? Figurati!
FELA: E tu, zio?
SALIF: Sto benissimo. Sono felice.
FELA: Hai visto? Questo è l’effetto della gita di ieri alle cascate!
ANNA: Ma guardate mia madre invece! Perché non si vuole mettere un vestito da sposa?
SALIF: È bellissima!
ANNA: Beh… sì! Sei bellissima, mamma!
OLGA: Non mi prendete in giro… vogliamo andare?
SALIF: Andiamo!

SCENA 11 – COMUNE DI TERNI
ASSESSORE PACIFICI: Siete voi che vi dovete sposare stamattina? Io sono l’assessore Pacifici!
SALIF: Io sono Salif Ba.
ASSESSORE: Come ti chiami tu?
OLGA: Io sono Olga Novak
ASSESSORE: Tu invece?
ANNA: Sono sua figlia, Anna
ASSESSORE: Tu?
FELA: Io sono Fela, il nipote dello sposo.
ASSESSORE: Adesso andiamo nella sala del Consiglio dove officeremo il matrimonio. Per noi è molto importante ospitarvi nella nostra città.
SALIF: Una bella città avete…
OLGA: Vogliamo… possiamo già entrare, no?
ASSESSORE: Come no! Ma si figuri!
OLGA: Andiamo allora!
ANNA: No, aspettate!
OLGA: Anna? Che ti prende?
ANNA: Devo fare una cosa importantissima… torno subito!
SALIF: Anna!

SCENA 12 – GIOIELLERIA
Anna entra in una gioielleria

SCENA 13 – COMUNE DI TERNI
OLGA: Ma dov’è? Perché fa così proprio oggi?
SALIF: Sicuramente c’è un motivo!
FELA: Ma se dimentica sempre tutto!… ora mi sente quando torna… non mi devo più fidare di lei…
ANNA: Eccomi, eccomi!
OLGA: Anna!
FELA: Anna!
ANNA: Scusami, Fela, è che ieri con la mamma... tra la basilica e san Valentino... me ne sono proprio scordata... Mamma, Salif... questo è un regalo che abbiamo fatto io e Fela, sono piccolissime ma… avevamo pochi soldi…
OLGA: Ragazzi, siete meravigliosi!
SALIF: Sono bellissime… grazie!
SALIF: La nuova famiglia!
FELA: E io che ci faccio con questa?
ANNA: In Croazia ai matrimoni c’è sempre una mela… tutti ci infilano i soldi e poi la sposa la lancia per buon augurio!
OLGA: Grazie!
ASSESSORE: Allora la infilo io!
SALIF: Da noi invece gli sposi si scambiano il cibo come segno di cura reciproca… ma adesso vogliamo entrare, però?
OLGA: Si!
FELA: Eh no!
SALIF e OLGA: Ma come?
FELA: Prima di cominciare… un po’ di relax per lo zio…
OLGA: Andiamo!
SALIF: Vogliamo entrare adesso ?

Auguri!
Evviva!
Viva gli sposi!

continua…