chiudi la finestra
Segui le dirette sul portale di Rai Arte SEGUICI SU FACEBOOK

La tutela della salute e il Servizio Sanitario Nazionale

Alternative Display Source – LivePreviewPage.htm
Aggiornamenti ogni 30 minutes.
Bookmark – GPLI

Get Adobe Flash player


In questa puntata Olga vuole cambiare il pediatra per Mansour e per farlo si reca all’Azienda Sanitaria Locale, cioè la ASL. Nel nostro Paese la tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo ed interesse della collettività, prevista dall’art. 32 della Costituzione, è garantita nel rispetto della dignità umana e della libertà della persona umana attraverso il Servizio Sanitario Nazionale istituito nel 1978. Questo fornisce l’assistenza sanitaria a tutti i soggetti dimoranti nel territorio nazionale senza distinzioni di genere, residenza, età, reddito e lavoro. Il Servizio Sanitario Nazionale si basa su alcuni principi fondamentali quali la responsabilità pubblica della tutela della salute, l’universalità ed equità di accesso ai servizi sanitari, il finanziamento pubblico. Il Servizio Sanitario, dunque, assicura a tutti, indistintamente, l’accesso ai servizi sanitari. Spetta alle persone scegliere il luogo di cura e i professionisti all’interno delle strutture pubbliche e private accreditate. Il Servizio Sanitario Nazionale è esercitato sia dallo Stato che dalle Regioni secondo la distribuzione di competenze stabilite dalla Carta Costituzionale. Il Servizio Sanitario Nazionale è composto da enti e organi di diverso livello istituzionale. Ne fanno parte il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, che ne è l’organo centrale. A livello nazionale vi è, ad esempio, il Consiglio Superiore di Sanità e l’Istituto Superiore di Sanità, e a livello territoriale, le ASL, Aziende Sanitarie Locali, e le Aziende Ospedaliere. L’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale dà diritto ad avere il medico generico e il pediatra, a ricevere trattamenti sanitari specialistici, su richiesta del medico e del pediatra, ed essere ricoverati gratuitamente in ospedale e a ricevere l’assistenza farmaceutica. Avete visto infatti che in questa puntata Olga si è dovuta recare alla ASL per effettuare il cambio del pediatra per Mansour? Ciascuno di noi, quindi, può scegliere sia il luogo ove curarsi che il medico generico al quale rivolgersi per i bisogni quotidiani legati alla salute. Gli stranieri con permesso di soggiorno possono iscriversi al Servizio Sanitario Nazionale. L’iscrizione durerà per il periodo del permesso di soggiorno. Quindi l’ASL deve essere considerata un punto di riferimento per ottenere non solo informazioni ma anche l’erogazione di servizi sanitari, dai più semplici a più complessi.