chiudi la finestra
Segui le dirette sul portale di Rai Arte SEGUICI SU FACEBOOK

Vivere in Italia - 2° puntata

Alternative Display Source – LivePreviewPage.htm
Aggiornamenti ogni 30 minutes.
Bookmark – GPLI

Get Adobe Flash player


Carta d’identità dell’Italia: dall’Unità di Italia, alla nascita della Repubblica e della Costituzione.
Per vivere bene in Italia è necessario conoscere la storia dello Stato Italiano, gli usi, i costumi e le abitudini del suo popolo.
L’Italia è dal 1861 uno Stato unitario. Precedentemente, il territorio italiano era diviso in tanti Stati. Dall’unione di questi è nato il Regno d’Italia. Il primo re è stato Vittorio Emanuele II. Dal 1870 la capitale d’Italia è Roma (prima erano state capitali Torino e Firenze).
Il 2 giugno 1946, dopo la Seconda Guerra Mondiale e la liberazione dell’Italia dalla dittatura fascista, il popolo italiano ha scelto la Repubblica come forma di governo. In questa occasione, per la prima volta, in Italia hanno votato anche le donne. Ogni anno il 2 giugno si festeggia la nascita della Repubblica Italiana. L’Italia è una Repubblica democratica. A capo dello Stato c’è il Presidente della Repubblica, garante della Costituzione.
Nata la Repubblica, bisognava stabilire i diritti e i doveri dei cittadini italiani. Per questo motivo, è stata scritta la Costituzione dall’Assemblea Costituente, un gruppo di 556 cittadini con idee diverse, eletti dal popolo.
La Costituzione raccoglie i principi e i valori che sono alla base di tutte le leggi dello Stato italiano. È entrata in vigore il 1° gennaio 1948. Stabilisce il funzionamento e l’organizzazione della Repubblica Italiana. Elenca i diritti, le libertà e i doveri dei cittadini italiani e di tutti quelli che vivono in Italia. Pone le basi per regolare la vita comune.
I principi fondamentali sono: democrazia, libertà, uguaglianza, giustizia e solidarietà.
La bandiera della Repubblica Italiana ha tre colori: verde, bianco e rosso.
Il simbolo che rappresenta l’Italia è “l’emblema”, composto da quattro elementi: la stella (che rappresenta lo Stato e anche la fortuna); la ruota dentata (che indica il lavoro); il ramo d’ulivo (simbolo della pace) e la quercia (che rappresenta la forza e la dignità del popolo italiano).
L’inno nazionale, “Fratelli d’Italia”, è stato scritto dal patriota italiano Goffredo Mameli nel 1847.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale